Sei qui: Home > Territorio Metropolitano > Il portico del Meloncello

Il portico del Meloncello

1862

Il portico del Meloncello

Il portico del Meloncello all'Arco Guidi dopo l'installazione nel 1885 del Tiro a Segno.
L'inaugurazione di questo secondo bersaglio (il primo risale al 1862 all'interno delle mura, tra la chiesa del Baraccano e la chiesa degli Angeli, a Porta Castiglione) avvenne il 20 giugno 1886; il terzo Poligono è quello tuttora esistente in Via Agucchi, dal 1928.
L'architetto autore del progetto del portico fu Ercole Gasparini ma l'opera venne terminata alla Certosa da Luigi Marchesini, architetto del Comune, il 2 aprile 1834.
L'8 agosto 1849, verso le 13, dietro il porticato, sul luogo dove oggi si erge la Torre di Maratòna, vennero fucilati Ugo Bassi, sacerdote barnabita, e il Capitano del Distretto di Varese, Giovanni Livraghi, disertore dell'esercito austriaco, dopo essere stati processati e prelevati da Villa Spada, allora sede del Quartier Generale Austriaco (come nel 1944 lo fu della Kommandatur tedesca).
Nell'arcata fu posta una lapide, ancora oggi leggibile, dettata da Giosuè Carducci.

L'immagine è stata tratta da "Località Arco Guidi" Storia e iconografia di Antonio Brighetti, Aulo Gaggi Editore, Bologna, giugno 1981, pag. 21.

« precedente  |     |   seguente »
Sei qui: Home > Territorio Metropolitano > Il portico del Meloncello

CONI Point di Bologna, Via Barberia 24, Bologna, tel. 051580542 fax: 051580463 e-mail: bologna@coni.it

Web Master G. Bonazzi | Powered by CMSimple | Accedi