Sei qui: Home > Territorio Metropolitano > Progetto primo

Progetto primo

1925

Progetto primo

Progetto primo (1925) dell'Ing. Umberto Costanzini (Vignola 1897, Bologna 1968), planimetria del Campo polisportivo, poi 'Littoriale' comprensivo dei campi per il gioco del calcio e del tennis, della piscina aperta e coperta. Nota bene in calce: "Casa del Fascio, Bologna, Ufficio Tecnico" tesa a rimarcare la totale estraneità dell'Amministrazione comunale alla sua ideazione: senza l'intervento del P.N.F. (partito Nazionale Fascista) sarebbe stato impossibile realizzare un simile progetto. Anche se paradossalmente il Littoriale apparteneva in diritto e di fatto in una società anonima denominata "Pro Casa del Fascio", nella quale ne' il partito ne' il Comune avevano alcuna possibilità di ingerenza.
Tutta l'operazione venne condotta mediante sovvenzioni pubbliche e private.
Il Governo versò ad Arpinati, segretario unico della federazione fascista bolognese, un milione; cifre notevoli furono raccolte con una sottoscrizione cittadina mediante acquisto di azioni.

Foto da Giuliano Gresleri e Pier Giorgio Massaretti, Norma e arbitrio, Architetti e ingegneri a Bologna 1850-1950, Marsilio, Venezia, 2001, alla pagina 236.

« precedente  |     |   seguente »
Sei qui: Home > Territorio Metropolitano > Progetto primo

CONI Point di Bologna, Via Barberia 24, Bologna, tel. 051580542 fax: 051580463 e-mail: bologna@coni.it

Web Master G. Bonazzi | Powered by CMSimple | Accedi